Sentieri di Sé in Relazione

Giornate aperte all’incontro per il potenziamento della
dimensione psicologica e delle attitudini relazionali

 

 

 

Sabati di maggio 2024: 
4 – 11 – 18 – 25
dalle ore 10  alle 18

con Luciano Provenzano – psicologo-psicoterapeuta

 

Sentieri di sé in relazione è una proposta per mettersi in gioco nella ricerca di percorsi interiori di consapevolezza per trarre dal fondo di sé parole sentite per meglio adeguare le “gomme” del proprio respiro – psiche_pneuma_pneumatico – alle necessità del proprio percorso di vita.
Contraddizioni del vivere assediano la quotidianità  per chi le attraversa ma anche solo per notizie  di cui si giunge a conoscenza; contraddizioni nei microcosmi delle vite personali e familiari, ma anche dei drammi a livello planetario, la cui traccia s’imprime  sul vissuto di chi pur indirettamente le partecipa.
Nel mentre si auspica che le contraddizioni planetarie siano affrontate al meglio dai “grandi della terra”, al contempo è indispensabile che dal basso si sviluppino salubri ruscelli d’esperienza che diano energia al fluire di relazioni rinnovate per il nostro essere “insieme” nel mondo.
Sentieri di sé in relazione  è una proposta per l’opportunità di far sgorgare tali ruscelli  e contribuire dalle radici ad una rinnovata giovinezza di sé, nei rapporti e nello sguardo sul mondo.

Dove:

In campagna, a Parabita – Lecce ( posizione inviata a chi si iscrive);

 In poesia:

Ogni cammino rigenera vita, / offre paesaggi e / prospettive nuove; // anche un / cammino interiore / può aprire / scrigni riposti di gioie  o / difficoltà, / risorse d’esperienza /da riportare in luce / per energia rinnovata / che ne può derivare, / lungo sentieri narrativi  / aperti alla fiducia / di scoprirsi  / nella relazione / per scoprire paesaggi di sé / che aiutano a crescere, / a rinascere

Perché?

Difficoltà del vivere inducono talvolta a ritrarsi, scoraggiarsi, smarrire il senso dell’essere al mondo. Se la difficoltà si stratifica ne derivano anche stati di ansietà, sofferenza, somatizzazioni. Se la propria usuale visione del mondo  ha portato al risultato attuale, va considerata la necessità di dotarsi di una diversa per guardare se stessi e la vita. Fondamento per ripartire  è una nuova consapevolezza per quanto si ha a cuore. “Consapevolezza” è “con_sapere”, attitudine a “sapere insieme”, “cercare insieme”, sviluppare relazioni, dialoghi, incontro.

Come:

Condivisione di storie ed esperienze, narrazioni e svolgimenti, creazioni e poesie, anche silenzi e titubanze, voglia di aspettare, bisogno di prender tempo;  poter dire ma anche solo  ascoltare;  risonanze interiori da quanto si giunge con i sensi a percepire; il respiro che accompagna il sentire; la parola che accompagna il respiro; il cuore che batte e sorride o talvolta ha bisogno di piangere.

 Iscrizione agli incontri

  • Richiesta tramite messaggio al 368.583254
  • Ad inizio incontro si sottoscrive il modulo associativo con i propri dati essenziali
  • Contributo facoltativo a discrezione di chi partecipa

Ulteriormente:

  • Bisogna iscriversi necessariamente a tutte e quattro le giornate?

No, si può partecipare anche solo ad una o più giornate ma non  necessariamente a tutte;

  • È necessario restare tutta la giornata?

Si, ne va la caratteristica della proposta. È un viaggio interiore nella relazione di gruppo. Otto ore per un viaggio, il minimo essenziale!

  • Da quante persone sarà formato il gruppo?

Da almeno 5 e non oltre 12;

  • Per cibo e bevande?

Chi viene ne porta per sé ed eventualmente una porzione da condividere.

***

modulo di iscrizione associativa  per partecipare agli incontri >>>

foto: Viale Casino Muia, agro di Parabita, contrada Tammali