Pietro Lusvardi, Mantova in una birra insieme;
la sua mano, il suo occhio, la sua arte;
tratti essenziali i suoi schizzi e disegni per scorgere fra interstizi di volti, gesti e storie immagini che aprano ad incontri possibili;
autodidatta fra libri, film, fumetti e musica;
operatore di cultura nell’immediatezza dell’esserci e del fare;
in cerca del senso del reale attraverso prospettive immaginifiche e fantascienza;
operatore ecologico, suo lavoro, ora alle spalle per meritata pensione;
fra tanto di dialoghi insieme,  il libro che mi aprì alla M.T.: grazie Pietro!
distanza di anni e kilometri, amicizia immutata!

Fernando Pessoa

Lenin

Paz – Andrea Pazienza

Robert Crumb

zio Tibia

Thom Waits

Joe Strummer

Peppino Impastato

Sigmund Freud

Frida Kalo

 K.Harning

F.Kafka

Samuel Beckett

Louise Brooks

tre bozzetti per ‘Il nome della Rosa’

J.P. Sartre

Vinicio Caposella

‘Il mio amico Fulvio Milani’

Frank Zappa

Amy Winehouse

Frank Zappa

post su facebook (26/9/2023):

I volti di Pietro Lusvardi, da lui disegnati ma che in qualche modo esprimono anche l’autore; sono cioè i volti dei personaggi ma sono anche il volto dell’autore che disegna i personaggi, perché lui in quei volti c’è e ci sono al contempo anche i personaggi disegnati. La stessa scelta dei personaggi offre un volto all’autore che li sceglie, ad un percorso esistenziale, al suo carattere umano e politico, in corrispondenza con le caratteristiche dei personaggi disegnati. Dietro ogni volto c’è quindi il suo volto, quello dell’autore, ma al tempo stesso l’autore ha volti svariati dietro ai quali sviluppare rappresentazioni di sé, per ogni momento di storia di vita, ogni età, esperienza, relazione, ogni momento impresso in grado di diventare espresso: ridarti il volto che pur se per un momento, un giorno, qualche anno, o giorno per giorno lungo tanti anni mi hai dato: Restituzioni, occasioni di generosità, quel che mi hai dato ora te lo ridono, anche a distanza di anni, tempo, luoghi, situazioni. Arte è restituzione, ridono creativo, gioia di dire: eccoti!

(Luciano Provenzano)