Antonio ROMANO Professore Associato di Glottologia e Linguistica presso il Dipartimento di Lingue e Letteratura Straniere e Culture Moderne dell’Università degli Studi di Torino; responsabile del Laboratorio di Fonetica Sperimentale “Arturo Genre”, e direttore del Master in Traduzione per il Cinema, la TV e l’Editoria Multimediale; è studioso dei dialetti d’Europa, e soprattutto italiani, e ancor più meridionali, pugliesi e il salentino. cv

Amico e collaboratore di GestaltHouse APS, lo coinvolgiamo per valorizzare soprattutto insieme ai bambini, a scuola e nei campi estivi, il nostro dialetto, con narrazioni te cunti (racconti) e dialoghi sull’origine e l’uso di parole e detti dialettali.

Campo estivo 2019

Campo estivo 2017

Poesia di Antonio Romano  dedicata ad affetto familiare, la zia, scritta in dialetto Parabitano (di Parabita) e da egli stesso tradotta, e che egli  così presenta:

Ahi, Rusina – Nel corso della sua vita, mia zia Assunta ha molto amato le tartarughe. Ne ha avute molte  e tutte si sono chiamate Rusina. Si muovevano attorno a lei oziose, spesso avvolte nella peluria della lana che filava, finendo talvolta nella spazzatura o nei residui del bucato…

Ahi, Rusina            17-21 marzo 2020

Ahi, Rusina! Cci nde sai

te sta vita ca ne ṣṭṛus¢ia?

Ti pili nosci cci ssai?

te sta ggente ca rus¢ia…

Ci puru sbroji stu filu te lana,

nu’ ssai sta piaca comu se sana.

Nu’ ssìccane ste còzziche allu sule

ci l’occhi li teni chini te prule.

– Cci bbestie su’ ca squàjane matuḍḍe

e ccunzùmane pasuli e ccipuḍḍe?

– Cci speri sta sorte noscia cu bbiti

ci cu oti ḍḍa capu mancu te fiti?

Cci bbo’ ccapisci te arte e ccunvegni

ci mancu mmirci sti bbelli ddisegni?

Te paesi e ccittà nu’ ssai propiu nenzi.

U sutta e llu susu te vene lli penzi?

Te storia e ppuisìa cci tte nde futti?

Mpena lu mangi te scordi cci gnutti.

Cci tte nde faci cu scopri cci llassi,

ci sona e cci canta quandu sta’ ppassi?

Cci ssape na cilona sconzulata

allu sule te marzu rosulata?

Nu’ ssape te ḍḍu vene ḍḍa luce

ci ète ca la pija e cci la nduce.

Tutta ncaddarata va’ scalis¢i.

Ci te nchiana a ncapu ṭṛapulis¢i

mmenzu ḍḍe paḍḍotte spriculate,

nu llurdi e nnu ffaci patate.

Nu’ tte nde ncàrachi, bbasta bbai nnanzi

ci ciuveḍḍi te llea quiḍḍu ca vanzi.

Speramu cu nnu’ bbegna tte scafazza

nu’ ffutte tte scaranfa ḍḍa corazza.

Nu’ ddafrischi ci rrumani venṭṛisusu

e nnu’ rrii cchiui stampagni ḍḍu musu

penzi ca spiccia ḍḍu mundu te cuti

te lassi s¢ire, te fermi, te stuti…

Mancu nui sapimu aḍḍu s¢iamu

cci ssu’ sti llanzi ca scancamu.

Cci ggè stu pisu ca ne cazza,

a cci n’ha’ nzunatu cu nne fazza.

Traduzione

Ahi, Rusina! Che ne sai / di questa vita che ci strugge? / Dei nostri segreti cosa sai, / di questa gente rumorosa? //

Se pure sai sbrogliarti dalla lana, / non sai come si curano le ferite. / Non si asciugano le croste al sole / se non ripulisci gli occhi dalla polvere.//

– Che animali sono questi che si perdono nei pensieri / e si nutrono di fagioli e cipolle? – Come speri di penetrare la nostra umanità, / se non riesci a girare neanche la testa? //

Cosa vuoi capirne di arte e convegni / se nemmeno riesci a intravedere questi bei disegni? / Di paesi e città non sai proprio niente. / Il sotto e il sopra riesci a pensarli? //

Di storia e poesia che te ne importa? / Se appena finisci d’ingoiare non sai neanche cos’hai mangiato? / Cosa te ne fai di sapere ciò che lasci, / chi canta e chi suona mentre passi? //

Che cosa sa una tartaruga sconsolata / che si rosola al sole di marzo? / Non sa da dove viene la luce, / chi è che la prende e la dà. //

Tutta sporca di cenere vai frugando / e se ti salta in mente traffichi qua e là, / in mezzo alle zolle sbriciolate, / non sporchi e non lasci impronte. //

Non te ne importa, ti basta andare avanti / se nessuno ti toglie quello che hai messo da parte. / Speriamo che non venga a schiacciarti / a danneggiarti il carapace. //

Non ti riposi se resti a pancia in su. / E se non raggiungi più nulla col muso, / pensi solo che è finito quel mondo di roccia, / ti lascia andare, ti spegni… //

Neanche noi sappiamo dove andiamo / cosa sono questi slanci che affrontiamo / che cos’è questo peso che ci schiaccia / a chi è venuto in mente di crearci.